La Cavalcata sarda è un'antica manifestazione culturale e folkloristica che si svolge a Sassari, solitamente la penultima domenica di maggio, che consiste nella sfilata a piedi, a cavallo o sulle traccas (i caratteristici carri addobbati con fiori e oggetti della quotidianità), di gruppi provenienti da ogni parte della Sardegna. I partecipanti indossano il costumecaratteristico del luogo di provenienza, spesso arricchito da curatissimi ricami e gioielli in filigrana.
La manifestazione prosegue in pomeriggio nell'ippodromo cittadino dove cavalli e cavalieri si esibiscono in ardite pariglie e figure acrobatiche, per terminare in serata nella Piazza d'Italia con i canti e i balli tradizionali sardi, sulle note di launeddas e fisarmoniche, che si protraggono per buona parte della notte.
La manifestazione che possiamo ammirare oggi invece nasce nel 1899 in occasione della visita dell'allora re d'Italia Umberto I accompagnato dalla moglie la regina Margherita di Savoia, giunti in città per l'inaugurazione del monumento a Vittorio Emanuele II che Giuseppe Sartorio aveva innalzato nella Piazza d'Italia.

-

“La Cavalcata Sarda" is an old cultural and folkloristic event that takes place in Sassari, usually the third Sunday of May. It consists in a parade on foot, on horseback or on “traccas" (the characteristic floats decorated with flowers and everyday objects), of groups of people coming from every part of Sardinia.
The participants wear the typical costumes of the place of origin, often enriched by manicured embroidery and filigree jewelry.
The event continues in the afternoon in the hippodrome city where horses and riders perform daring acrobatics figures, for later closing the event in Piazza d’Italia with Sardinian traditional songs and dances, accompanied by the sound of “launeddas" and accordions.
The event that we can enjoy today was born in 1899 on the occasion of the visit of King Umberto I of Italy accompanied by his wife Queen Margherita of Savoy, who came to town for the inauguration of the monument to Vittorio Emanuele II that Giuseppe Sartorio had raised in Piazza d’Italia.